Emorroidi Esterne

Emorroidi esterne: cosa sono?

emorroidi esterneIl corpo umano è una macchina perfetta, dove ogni organo ha una sua specifica funzione. I medici hanno individuato e descritto una linea immaginaria che si sviluppa tra il retto e l’ano e che viene chiamata nello specifico “linea retto anale”. Se le emorroidi si sviluppano al di sotto di questa linea si parla di emorroidi esterne (mentre se si sviluppano al di sopra si parla di emorroidi interne).

Si tratta di dilatazioni venose che collassano al di fuori della cute e che acquistano un colore rosso-bluastro molto intenso. Il colore tipico delle emorroidi esterne si verifica a causa delle condensazioni di sangue nelle pareti venose, che si ingrossano fino al prolasso.

Al tatto, le emorroidi esterne si presentano soffici e morbide, ma può presentarsi un particolare problema, chiamato in gergo flogosi, che conduce le emorroidi esterne a ingrandirsi e a diventare dure al tatto.
Ecco che il problema non si presenta di natura vitale, ma decisamente doloroso e fastidioso.

È necessario rivolgersi al medico curante per evidenziare sia le cause che hanno condotto all’insorgenza delle emorroidi sia per dare il via ad una cura efficace. Molte persone si sentono in imbarazzo quando manifestano questa patologia, giacché si tratta di una questione molto delicata, ma in nome di una pronta guarigione è indispensabile attuare una cura mirata ed efficace e rivolgersi a uno specialista.

Le emorroidi esterne danno origine a episodi di sanguinamento, che possono manifestarsi in modo continuo oppure solo in speciali casi, soprattutto durante l’evacuazione. Il sanguinamento si associa a un dolore diffuso, che porta le persone ad avvertire un bruciore insopportabile nei casi più gravi e a non trovare una posizione ideale, né seduta né in piedi nel quale trovare un minimo beneficio.

Le cause delle emorroidi esterne sono le stesse delle emorroidi interne, ovvero sono di varia natura e tipologia. Innanzitutto dobbiamo specificare che la scienza non ha fino ad oggi individuato una causa di natura genetica, anche se molte sono le ricerche in merito, ma sta avanzando molte ipotesi in questa direzione.

Ecco che le emorroidi esterne si formano sicuramente a causa della pressione continua o ripetuta sulle vene rettali e anali. Questa pressione è spesso generata da sforzi intensi e prolungati, come ad esempio il parto, oppure da episodi di stipsi acuta. Anche la diarrea, ovvero il contrario della stipsi, si rivela come una possibile causa delle emorroidi esterne, in quanto porta i tessuti al prolasso a causa di una continua sollecitazione degli stessi.

Tra le cause delle emorroidi si includono anche una scorretta alimentazione e uno scorretto stile di vita, nonché le pratiche di assumere sostanze troppo irritanti come grandi quantità di alcolici e bevande eccitanti come il caffè, il tè e le cole. Anche le allergie alimentari possono contribuire alla nascita della patologia, soprattutto se legate a patologie che interessano la regione del fegato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.