Emorroidi Rimedi Naturali

Ricorrere ai rimedi naturali

Le emorroidi sono un problema molto diffuso e i rimedi per contrastarlo si dividono essenzialmente in due tipologie.

La prima è di natura farmacologica, ovvero presenta una composizione chimica di principi che spesso sedano il dolore e il prurito, lenendo la parte interessata grazie alla presenza di agenti sfiammanti come, ad esempio, il cortisone.

freschezzaLa seconda tipologia di cure le per le emorroidi comprendono i rimedi naturali, ovvero le terapie di tipo farmacologico naturale che si legano alla fitoterapia, all’erboristeria e alle cure olistiche in generale, come quelle previste da Hemapro.

Mentre le cure farmacologiche tradizionali si occupano di sedare il problema nell’attesa che si manifesti la guarigione, i rimedi naturali lavorano su più fronti, in quanto mirano a ricostruire i tessuti danneggiati, a lenire le irritazioni e di conseguenza a far sparire i sintomi come il prurito, il bruciore e l’eventuale sanguinamento.

Tra i rimedi naturali di origine olistica si annovera anche un’alimentazione mirata associata a una corretta integrazione alimentare che mira a rinvigorire il fisico e in particolare le pareti venose. Tali cure sono votate a fortificare l’intero sistema capillare al fine di renderlo tonico e resistente.

Ecco che i rimedi naturali per le emorroidi possono essere di tipologia topica, ovvero basarsi sull’assunzione di certe pomate, unguenti e creme lenitive, ma possono anche prevedere l’assunzione di integratori alimentari come gli estratti di mirtillo in capsule o in succo puro e di altre piante che rendono migliore la circolazione, fortificando le pareti venose e quindi risolvendo il problema all’origine. Vediamo quindi quali sono i rimedi naturali migliori per curare le emorroidi:

piante curativeI frutti rossi, i mirtilli, il ribes, le more e l’uva, (in particolare gli estratti di vite rossa).Si tratta di frutti che vengono spesso impiegati per donare leggerezza alle gambe e per attenuare i problemi legati alle vene varicose. Grazie ai flavonoidi in essi contenuti, la circolazione migliora sensibilmente, per cui questi ingredienti naturali si trovano spesso sotto forma di integratori e di principi attivi, presenti in pomate e in creme gel rinfrescanti.

La calendula. Fra i molti rimedi naturali impiegati per la cura delle emorroidi troviamo la calendula, una pianta scelta per le sue virtù emollienti, rigeneranti e lenitive. La calendula è spesso usata come ingrediente principale di pomate, creme e gel, poiché rinfresca le zone colpite da emorroidi e rigenera i tessuti compromessi, facilitando la guarigione. Grazie alla sua composizione naturale, la calendula è impiegata per curare le emorroidi nelle gestanti e le donne che stanno allattando, in quanto si tratta di un prodotto assolutamente privo di controindicazioni.

L’ippocastano. I semi dell’ippocastano hanno importanti proprietà vasocostrittrive e sono in grado di ridurre l’attività degli enzimi che rendono le emorroidi più problematiche. Grazie a queste caratteristiche, l’ippocastano si rivela come uno tra i rimedi naturali contro le emorroidi più efficaci e anche lungimiranti, perché ne blocca la degenerazione. Solitamente l’ippocastano è disponibile in gemmoderivati oppure come ingrediente di rimedi topici da spalmare sulle zone trattate.

essenze di piante curativeL’amamelide. Si tratta di una pianta delle grandi virtù vasoprotettrici e tonificanti delle pareti venose che risultano compromesse dalle infiammazioni emorroidali. Ecco che il rimedio naturale si propone di proteggere le zone trattate e anche di ricostruire i tessuti danneggiati, apportando sollievo e freschezza. L’azione astringente dell’amamelide si legge anche nella capacità di donare elasticità ai tessuti e quindi di rinvigorirli in modo naturale.

L’aloe. L’aloe è una pianta facilmente coltivabile in casa, sia nelle aree interne sia esterne. Le sue foglie carnose contengono un gel ricchissimo di agenti nutrienti e lenitivi, perfetti per le scottature ma utili anche nel caso di emorroidi. Il gel contiene agenti che sono in grado di lenire il bruciore, il prurito e anche di rigenerare i tessuti in modo particolarmente veloce. Chi non dispone del succo vero della pianta può contare su molti preparati che annoverano il vegetale come ingrediente principale o secondario.

La centella. Si tratta di una pianta molto usata per rafforzare le pareti delle vene. Questa pianta aiuta la corretta circolazione periferica ed è quindi indicata per prevenire la dilatazione delle vene. È impiegata nel trattamento delle emorroidi in combinazione con altri vegetali dalle stesse virtù.

Tra i rimedi naturali per curare le emorroidi inseriamo anche l‘omeopatia, che si propone di gestire il problema sia nella sua versione più interna e leggera sia nella versione più acuta. Per quanto riguarda il primo caso, l’omeopatia propone solitamente un rimedio granuloso a base di ippocastano, di aloe e di arnica per contrastare il dolore, mentre negli stati più avanzati, la scienza omeopatica propone il Nux Vomica e il Sulfur, che si impegnano sia a bloccare il sanguinamento che a guarire le parti interessate dal prolasso.

All’omeopatia, i rimedi naturali per le emorroidi associano anche l’impiego dei fiori di Bach, preparati in versione topica. In particolare si tratta della famosa Star of Bethlem, la Stella di Betlemme che viene impiegata per curare shock e traumi. Se le emorroidi sono considerate come una conseguenza di stati sociali, ambientali e sentimentali traumatici, questo rimedio viene preferito e associato con altri fiori per sedare il problema sotto un profilo olistico.

olioCompletiamo la carrellata dei rimedi naturali per le emorroidi con gli oli essenziali, che sono impiegati in un duplice uso. Non dimentichiamo mai che gli oli essenziali di buona qualità sono dei preparati molto potenti che chiedono di essere miscelati e dosati da un professionista per ottenere una guarigione efficace.

In particolare, l’aromaterapia e l’uso degli oli essenziali consigliano l’olio di cipresso, dal potere purificante ed equilibrante, l’olio di limone e anche l’olio di menta per donare refrigerio e lenire le zone interessate.

Oltre all’aromaterapia del respiro, ovvero all’inalazione delle essenze sciolte in acqua, gli oli possono essere miscelati in proporzione con basi vegetali come l’aloe e applicati con fiducia sulla zona da trattare per riscoprire un sollievo immediato e indurre la guarigione dal problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.