Creme emorroidi: Quali utilizzare

creme emorroidi

Tra i rimedi per curare le emorroidi troviamo le creme, delle soluzioni che vengono spalmate sulla zona da trattare e che promettono di agire in modo veloce sia sulla rimarginazione del problema che sull’alleviamento dei sintomi, riducendo quindi il bruciore e il prurito.

In commercio è possibile trovare molte tipologie di creme per le emorroidi ed è importante attuare una prima distinzione fra prodotti di natura farmacologica e di tipologia naturale. Cerchiamo quindi di capire quali sono le migliori creme contro le emorroidi, un problema che chiede di essere trattato con velocità ed efficacia per permettere ai soggetti di ritornare a condurre una vita normale e serena.

Le creme per le emorroidi vanno ad agire inizialmente sul prurito e sul bruciore e sono dedicate alle persone che presentano emorroidi di tipo I o II, ovvero interne oppure esterne con prolasso controllabile. Nei casi di stadi successivi, le creme per le emorroidi non si presentano utili, ed è richiesto un intervento ambulatoriale o addirittura chirurgico per risolvere il problema.

Per quanto riguarda le emorroidi interne, esse vengono trattate con creme che presentano un’apposita cannula, che permette di inserire le creme stesse direttamente nella zona da trattare. Anche se questa tecnica può sembrare fastidiosa, dopo alcuni giorni il dolore più forte scompare e quindi si avvia in modo positivo il processo di guarigione.

Per quanto riguarda le emorroidi esterne, le creme a esse dedicate vengono spalmate in determinati orari alternati ed è fondamentale tenere le mani pulite oppure utilizzare dei guanti usa e getta per non aumentare la probabilità di subire degli attacchi batterici.

Alla luce di questi dati, notiamo che le creme farmacologiche contro le emorroidi contengono spesso il cortisone o l’idrocortisone, uno steroide che sfiamma la zona trattata ma che porta con sé molti effetti collaterali. Fra i tanti si annovera l’impossibilità di impiegare il cortisone quando ci sono delle cicatrici o delle ragadi, in quanto il prodotto ne rallenta la rigenerazione.

Il cortisone non può essere impiegato in abbinamento con alcuni farmaci, quindi è indispensabile chiedere un parere medico sull’argomento e, se possibile, scegliere un farmaco privo di questa sostanza, ma al contempo efficace per risolvere il problema.

Le creme contro le emorroidi possono agire anche come anestetico locale, quindi sedare il dolore che accompagna la patologia. Le più famose sono indubbiamente Proctolin, Emorril, Prepacort, Doloproct e Ultraproct. È importante testare le creme per le emorroidi in una piccola zona del corpo, poiché molte persone soffrono di allergie in seguito al loro uso.

Altre creme contro le emorroidi presentano delle sostanze antidolorifiche e analgesiche, come l’acetaminophen, l’ibuprofene e il naproxene, le quali sedano immediatamente il dolore. Anche l’aspirina è spesso impiegata come anestetico locale. Tali pomate associano alla composizione degli agenti protettivi, che possono essere la vaselina o, ad esempio, l’ossido di zinco.

Altre creme per le emorroidi basano la loro efficacia su ingredienti alternativi e diversi. È questo il caso della classica Preparazione H, che contiene fenilefrina, una molecola che restringe i vasi sanguigni, oppure di altre creme che contengono nifedipina, una molecola che rilassa la muscolatura e che quindi allevia immediatamente il dolore localizzato.

Alcune di queste creme per le emorroidi possono essere acquistate senza ricetta, mentre quelle più intense richiedono la prescrizione medica. In ogni caso è fondamentale richiedere un consulto al proprio medico di base, per comprendere la gravità del problema e ricercare le creme per emorroidi più utili per risolvere la patologia in modo rapido ed efficace.

Le persone che non desiderano affidarsi a creme farmacologiche possono optare per prodotti naturali, che non presentano ovviamente cortisone al loro interno e nemmeno sostanze antidolorifiche o anestetiche di origine farmaceutica. In commercio si trovane tante buone creme per le emorroidi che aiutano a sedare gli stati lievi e che si presentano completamente prive di controindicazioni.

Certamente questi prodotti sono adatti ai casi lievi e non promettono una guarigione immediata, ma con un po’ di pazienza sanno ricostruire i tessuti, lenire le zone irritate e quindi dare vita ad un cammino di guarigione lento ma benefico per l’intero organismo.

Fra le creme per le emorroidi naturali si riscontrano preparati a base di calendula, di ippocastano, di hamamelis e di aloe, tutte piante ed erbe dalla forte azione riparatrice e ricostruttrice dei tessuti danneggiati. Queste piante sono solitamente abbinate a vegetali che sanno rafforzare le pareti venose, come ad esempio il mirtillo e la vite rossa, al fine di offrire un prodotto completo e che offre un approccio olistico alla cura delle emorroidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.