Utilizzare i farmaci per curare le Emorroidi

farmaci emorroidi

Nella cura delle emorroidi, i farmaci possono rappresentare una soluzione adeguata, soprattutto se le stesse si presentano in forme molto dolorose, accompagnante a sanguinamento e prolasso.

I farmaci per le emorroidi sono di due tipologie, quelli che possono essere acquistati nelle farmacie liberamente, senza ricetta medica e quelli che invece chiedono la prescrizione medica in quanto si presentano molto potenti e contengono dei principi farmacologici speciali, che chiedono di essere usati secondo una particolare posologia.

Un buon farmaco per le emorroidi è in grado sia di sedare il dolore sia di risolvere il problema nella sua manifestazione esterna, ovvero si propone come la base per la guarigione e per evitare eventuali operazioni chirurgiche.

È fondamentale recarsi con velocità e prontezza dal proprio medico curante, in quanto le emorroidi sono un problema che certamente può rimarginarsi in autonomia, ma che in alcuni casi può rischiare di peggiorare e quindi richiedere interventi più invasivi e dolorosi. Alla luce di queste considerazioni, diventa importante conoscere quali sono i farmaci per la cura delle emorroidi.

Quando le emorroidi non sono particolarmente gravi, è possibile rivolgersi a cure topiche acquistabili al banco farmacia. Si tratta di creme, unguenti e schiume che agiscono come sedativo del dolore e che con i loro principi attivi si occupano di rimarginare le ferite presenti, sgonfiando le aree interessate quindi rendendo più semplice la guarigione.

È noto che i farmaci per la cura delle emorroidi più efficaci sono quelli a base di cortisone, o idrocortisone, uno steroide impiegato per curare molte irritazioni che però presenta non pochi effetti collaterali. Il cortisone può far insorgere problemi di irritazione, di sensibilizzazione e non può essere impiegato per lunghi periodi di tempo.

Questo farmaco non può, inoltre, essere impiegato in presenza di cicatrici o altre ferite, in quanto ne ritarda la cicatrizzazione. Al banco farmacia sono disponibili dei farmaci per le emorroidi che non lo contengono, come ad esempio la Preparazione H, classico rimedio per le emorroidi che si basa su un contenuto di lieviti sintetici e di fenilefrina, una molecola che restringe i vasi sanguigni e che può essere utilizzata anche in gravidanza.

Un’alternativa all’idrocortisone sono i farmaci a base di nifedipina, una speciale molecola che rilassa la muscolatura.Proctolin, Emorril, Prepacort, Doloproct e Ultraproct sono classici esempi di farmaci per le emorroidi che contengono delle sostanze anestetiche.

Il loro uso porta quindi ad alleviare il bruciore e il prurito che accompagna la patologia, ma in molti soggetti può scatenare delle allergie cutanee. Se si ricerca un effetto anestetico è utile impiegare antidolorifici che hanno una base di ibuprofene e naproxene, oppure una semplice aspirina, che contrasta il dolore e limita il gonfiore. In ogni caso, è fondamentale chiedere un consulto al proprio medico curante che, in base alla conoscenza dell’organismo del paziente, può consigliare il farmaco più adatto alla cura del problema.

Molti farmaci topici per la cura delle emorroidi contengono degli agenti protettivi, che sono di natura chimica, come ad esempio la vaselina o l’ossido di zinco. Queste sostanze si occupano di creare dei film protettivi che quindi non permettono il contatto delle emorroidi con l’esterno e ne auspicano una guarigione più veloce e mirata.

I farmaci per la cura delle emorroidi non devono essere assunti per un periodo di tempo superiore ai sette giorni. Se in questo periodo non si hanno risultati soddisfacenti è indispensabile consultare nuovamente il medico curante e quindi pensare ad una terapia alternativa, in quanto gli agenti contenuti nei farmaci per le emorroidi impiegati non erano adatti alla risoluzione del problema oppure non sono stati ben accettati dall’organismo.

In questo caso è possibile sia chiedere una terapia farmacologica diversa, magari a base di sostanze alternative contenute in prodotti quali Doven e Aven, oppure cercare una via alternativa nell’assunzione di prodotti da banco quali il Venoruton, il Tegens o l’Elastoven, che non richiedono la ricetta per essere acquistati in farmacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.